lunedì, febbraio 05, 2007

Paris Paris Paris

Sono tornato ieri da Parigi. Bellissima fine settimana, come ogni volta.
Tutte le foto.
Ha iniziato tranquilmente con Ryanair. "Benvenuto a Parigi" disse. "Ah Parigi è piccola cosi ?" dicono tutti i italiani. "Dov'è passata la tour eiffel ?". Sempre bello di arrivare in questo aeroporto di 2 aerei a 200km di Parigi a mezza i campi di mucche.
Sabato, buona parte del tempo nella famiglia. A mangiare il massimo possibile di crepes della mia madre. E a visitare il mio nipote, Alexis, che hanno messo in prigione di alta sicurezza, dopo uno sciopero della fame di 3 giorni per lottare cruentalmente contro i cattivi virus della varicella. Per fortuna, l'hanno liberato domenica.


La serata, ha iniziato in un bar francese a bere una birra, vicino il Pantheon. Dopo siamo andati alla Brouette, fare un sacco di casino, mangiare come 50 invece di 10. Pierrade (carne che cuoci sopra una pietra) e fondue bourguignonne (pezzi di carne che fai cuocere nell'olio) e volontà.


Abbiamo provato di fare entrare il ristorante in deficit, senza riuscire. Siamo tutti usciti urlando la nostra disfetta nella guerra tra lo stomaco e il portafoglio.


Dopo, sono passato dal ristorante a un'altro bar della stessa strada "rue mouffetard", dal francese all'italiano. Da un gruppo di amici francesi da un'altro tutto italiano. I amici di Francesca, italiani da tutta l'italia, andati dappertutto nel mondo tranne in italia. Abbiamo bevuto un aperitivo dopo cena con il Ricard marsigliese.


La domenica, mi sono svegliato nel quartiere della casa di Francesca, bellissimo. Rue du temple, quartier du marais. Per dare un'idea, è un Trastevere parigino. Quindi con boulangeries, patisseries e café che la mattinata, a ogni angolo di strada, senti la voglia la mattina di mangiare un cinghiale intero.
Dopo un giro, che non ho potuto comprare una galette des rois (torta alla mandorle che si fa per la befania), prima non avevo i soldi, dopo non avevo più di negozio aperto. Arrabbiato, sono tornato a Roma.


Al meno qui si mangiano dei maritozzi. Sti cazzi, la mia galette, me la faro a casa.

2 Comments:

At mercoledì, febbraio 07, 2007 1:23:00 PM, Anonymous mir said...

non so perchè ma il tuo nipotino mi ricorda il Piccolo Principe!
Quant'è carino!

 
At venerdì, febbraio 09, 2007 2:31:00 PM, Blogger jyby said...

Hum la galette des rois...
Comme ca me manque!

 

Posta un commento

<< Home