venerdì, novembre 09, 2007

Le piscine italiane

Fa un'anno e mezzo che dovevo fare questo post, mo lo faccio.

Un sacco di tempo fa, alla notte dei tempi di questo blog, millioni di post fa, ho parlato di piscine a Parigi.
Dopo tutto questo tempo e queste avventure, era impegnativo, c'ho messo tutta la mia energia e i miei sforzi : posso continuare questo post, scritto in cebuenese antico.

Quindi, dopo la tessera dell'abbonamento ATAC che compro ogni mese per usare i belli trasporti di Roma, adesso ho la tessera dei trasporti maritimi in città dove non c'è il mare.



E sapete tutti che i mezzi a Roma sono pochi e difficili da usare. Quanti turisti vedete provando di capire come si fa per salire in un pullman, come si fa per sapere dove siamo, dove va, e quando sei arrivato (eppure alcuni romani non hanno ancora capito). Questi sono quindi costretti ad usare la metro, che sembra facilissimo visto che c'è un unico cambiamento possibile. Errore : non avevano indovinato che i distributori sono tutti guasti eppure il signore che vende i biglietti sono guasti.
E vanno tutti disperamente fare la fila dietro 2000 americani come loro, per prendere un tassi con conduscente che parla soltanto romano antico.

Allora immaginate quando il mezzo usato non è sulla terra, ma nell'acqua. E non l'acqua del tevere. No, io parlo delle grande vasche che troviamo in alcuni locali della città (no, non parlo del tuo bagno!) dove si può nuotare per fare finta di essere campione del mondo di nuoto. Ah, vero, in italiano, c'è un nome per questo. Si chiamano piscine.


Allora, dopo 1 anno e mezzo di esperienza a Roma, inizio a postare la parola piscina in una conversazione con un'amico. Strano, in questo paese, quando dici "blabla piscina blabla", ti rispondono "blablbalblabla palestra blablbalblabla". Ma non è che in italiano la parola palestra vuole dire piscina ? Eh no.
Vabbe, segui il discorso con il tuo romano preferito, e arrivi alla domanda molto importante in italia (perche si, dopo questo tempo, ti sei allenato, hai capito che è la prima cosa da chiedere) : il prezzo.
E li ti parla di una ciffra esagerata, peggio della tua peggia boletta di luce in inverno quando hai dimenticato il ferro da stiro acceso tutto il mese.

E poi, dopo mesi di ricerca intensiva, dove hai pure scoperto che per potere sperare di vedere la piscina da vicino, devi fare vedere tutta la tua pratica medicale, inclusi i lastri della caviglia a 12 anni e impronte digitale, abbiamo fatto il giro delle piscine.
Un giro di 24 ore dopo una settimana di preparazione psichologica. Per finire disperati ad entrare in un negozio di sub chiedere il prezzo di una muta e fino a quanti gradi si poteva nuotare nel mare a Ostia. C'ho ancora la carte del negozio, simpatico il tipo.



In quello giro di piscine abbiamo visto di tutto : dalla vasca del bagno, il negozio di idraulici, alla piscina gonfiabile per bambini da Auchan. Abbiamo iniziato con una piscina di lusso a prezzo giusto (era vietata l'entrata a quelli con un costume non disegnato direttamente da Gucci). Per poi arrivare alla piscina con il prezzo giusto (per noi, questa volta).
Giusto che hanno avuto l'idea di entrare nel concorso dell'amministrazione italiana più rompipalle. Vi lascio leggere le condizioni di entrata. Non era scritto, ma si doveva prenotare l'inscrizione più di 6 mesi prima.



La prossima piscina, era aperta soltanto la domenica mattina dalle 9 fino alle 11, tranne le domeniche in cui la guardia non riesce a svegliarsi la mattina perche ha fatto la festa come ogni sabato sera. E sono tutte cosi. Aperte o la domenica mattina o il sabato mattina a dei orari più assurdi della piscina precedente. Si fanno il concorso di menu di inscritti possibili.

E dopo tanto disperazione e tanta lutta contro i cocodrilli del tevere, un miracolo è successo. Abbiamo trovato la piscina dei nostri sogni !!
Neanche cara, anche aperta più di un giorno a settimana, anche aperto ai modesti lavoratori francese.
Ed è proprio la piscina dei nostri sogni : a 23.7 metri da una pasticceria napoletana, 50 da un cinese, con sulla strada 3 gelaterie, 2 pasticcerie, e almeno 30 bar pieni di cornetti. Perfetto per prendere in 2 secondi tutte le calorie che avresti speso in 57 ore di piscina intensiva.



Fino ad oggi, ci sono andato 3 volte. La prima volta per rilasciare la mia lastra del pollice sinistro e sopratutto pagare in dollari contanti, soldi che saranno messi direttamente sul loro conto nelle isole Caiman.
La seconda, per nuotare. Il mercoledi sera, era aperto tra le 20 e le 22.
Contrariamente a tutto quello che ho scritto nel mio vecchio post, è tranquillo. Il traffico romano si vede di un'altro modo in piscina. Quando la gente bestemmia nella sua macchina per non farsi sentire troppo dai altri, in piscina, la gente bestemmia sotto l'acqua, quindi tranne le onde tsunami che fanno urlando nell'acqua, non si sente niente.
Per la logica, c'è sempre : o non c'è nessun traffico, o vanno tutti insieme.
Poi, era un po ambiante piscina siciliana : si conoscono tutti, sembrano tutti molto simpatici, ma non con te che sei nuovo.
Hanno tutti il costume Dolce & Banana perche il tizio che lo vende è un'amico loro. Tengono la corsia 1, 2, 3, 4 e meta della 5, perche sono tanti, e poi sono li da sempre. Il nipotino è il bagnino, il cugino rimane all'entrata e la piscina è un'azienda famigliale.
Quindi, è chiaro, la sera, c'è un costo aggiuntivo. Perche l'ultima che non ha pagato, è finito accidentalmente al fondo della piscina.



L'altro giorno, ieri, sono andato di mattina. C'erano le uniche persone disposte a svegliarsi presto : i vecchi. C'era il corso di acquagym dolce non troppo violento in acqua calda non troppo calda, dove saltavano tutti in acqua con la professoressa che si agitava piu di tutti loro insieme.
La bella cosa, è che all'entrata non c'era nessuno per fare pagare l'ingresso. Dentro stavano tutti per i cazzi loro, all'uscita ho corso per scappare. Alla napoletana. Evviva l'Italia, forza Napoli.

2 Comments:

At venerdì, novembre 16, 2007 12:57:00 PM, Blogger marruzzella said...

a parte il cebuenino antico che ho tradotto con non poche difficoltà, per il resto posso solo dirti uhauhauhauhauhauhauhauh e anche ahahahahahahahahahahahah
mi è venuta voglia di iscrivermi in palestra.

 
At sabato, novembre 17, 2007 5:46:00 PM, Blogger bennyben said...

Mi raccommando, prendi una palestra con piscina !!

 

Posta un commento

<< Home