venerdì, settembre 25, 2009

Guglielmo e Laura

Oggi vi conto una bellissima storia, quella di 2 giovani napoletani : Guglielmo e Laura.

Tutto ha cominciato un bel giorno di febbraio, quel tipo che ti svegli, è domenica, non sai che fare, guardi alla finestra e vedi la pioggia che ti fa immaginare il freddo di fuori.
La piccola Laura si collega su internet e va sul suo sito preferito : www.vegetariani-online.it
Il piccolo Guglielmo, anche lui a casa sua, dal suo sito preferito (ah quello, meglio non dare il link!), clicca per sbaglio sul link che porta alla stessa pagina.
Dopo milioni di foto di ragazzine topless, arriva su quella di Laura, bella con il suo vestito di fiori.
Dopo qualche righe di chat, le cose vanno avanti, si scambiano le ricette, dalle pasta ai funghi porcini fino alle farfalle con le ostriche.
Una bella storia tra ragazzini che inizia.


Si sono incontrati, hanno parlato e parlato, e poi hanno fatto pure insieme le spaghetti con le vongole (no, le cozze, no).
Una bella storia insomma, continuano a cucinare insieme, fino al punto che Laura mette la sua pentola a casa di Guglielmo per condividere.
Poi, arriva pure il giorno che la pasta costava di più, le melanzane non erano buone quest'anno, e quindi come tanti, sono costretti di esiliarsi.
Comprano caro il viaggio di solo andata, 10 milioni di vecchie vecchie lire, pero al meno ne vale la pena.




Devono andare a Roma, prima mendicare nella metro, per poi mendicare in un'azienda di consulenza informatica.
Arrivati dopo tanti momenti insieme arriva il momento romantico (che aspettate tutti, basta con quelle cazzate che stai dicendo Benoit!) : una sera Guglielmo invita Laura in un bel ristorante.
Fanno il giro di tutte le piazze romantiche di Roma : piazza del Popolo, piazza Navona, Campo dei Fiori, Viale Marconi, stazione Termini, via Cristoforo Colombo, ... per poi arrivare fino a casa.
Guglielmo, non riuscendo a respingere il momento e a scappare dalle domande di Laura... chiede Laura in matrimonio !!
Che bellllliiiiiii !!!


Tu dici "che belli!" pero dopo pensi "ma perché??". Perché subito dopo sbarca la suocera che era nascosta dietro alla porta e iniziano le domande del tipo "che vestito devo mettere?", "I fiori piuttosto gialli o rossi ?".
Prima tappa, devono scegliere dove fare il matrimonio. Come erano immigrati clandestini potevano sposarsi solo in due posti nel mondo : a Las Vegars o a Capua, provincia di Caserta.
Sempre con pochi soldi, volevano fare un matrimonio economico. Hanno preso i servizi dell'agenzia low cost "ryanwedding", domiciliata a Capua e gestita da Zio Giggino.
Consigliavano di farlo nella chiesa di "San Isidoro dentro i muri", che dovrebbe essere abbastanza grande per le poche persone che invitano.


Hanno inviato le lettere d'invito a tutti quanti scrivendo "Purtroppo essendo poveri, non vi possiamo invitare. Pero potete comunque mandare i soldi".
Cosi, solo 150 persone sono arrivati quel giorno. Per i vestiti, ricuperano quelli della nonna di zia Margherita, intanto la moda non cambia tanto.
Il più difficile era per il ristorante. C'avevano la scelta tra :
- la gelateria "Paletta d'oro" a Capua
- il ristorante del campeggio "Amalasunta" a Montefiascone
- la paninoteca "Paninone" a Roma
- il ristorante "Cicerone", sulla calle Capua di Gijon in Spagna
- un ristorante kebab a Roma.
- il bar "Very wonderful" a Casal di Principe


Avendo sempre pochi soldi, e per non fare prendere l'aereo tra la chiesa e il ristorante, hanno scelto la gelateria.
Alla chiesa, la sposa doveva arrivare in motorino 50 (quello del nonno) con il suo padre, la sua madre, il fratello e i testimoni.
Lo sposo doveva arrivare con tutto il resto in una macchina affittata in Spagna, una Toyota Corolla GLI 1.6 full, verde, per andare col vestito della sorella.
Deve guidare lui, e anche fare la dieta perché il suo vestito si è accorciato col tempo, quindi addio alla bella panza !!



Qualche giorni prima del matrimonio, è tipico di fare la serenata. A casa di Guglielmo, nella città di San Tamarro, è tipico di cantare canzoni di Tony Tammaro.
E quindi ha cantato "Supersantos" mettendosi sotto al ponte dell'Industria di Roma.


Poi, è arrivato il giorno, quello che deve essere il più bello della loro vita.
C'Era qualcosa di cambiato, qualcosa nei capelli, negli occhi, sulla bocca, il viso, sicuramente l'emozione. Laura come più spagnola, Guglielmo più francese, sembrava proprio di sbagliarsi di matrimonio.
Pero erano loro, più belli che mai !
Alla chiesa, hanno pure cantato insieme "We will fuck you" di Queens, era un bel momento di gioia e armonia.
Poi, erano gli superstar, hanno perso 4 ore ad accettare auguri e complimenti e fare le foto con la bisnonna della vicina della zia.
Dopo, sono partiti nella macchinone affittata, per arrivare davanti alla gelateria.
L'arrivo era bellissimo : loro due, le porte aperte, Guglielmo provando di frenare a tempo, e Laura coi fiori nella mano.



Nella gelateria, c'avevano organizzato tutto : hanno messo le tavole fuori, e al meno 20 piatti sono arrivati davanti a ognuno di noi, 5 gelati di antipasti, 7 gelati di primi, 10 gelati di secondi, frutta ghiacciata, granite e dolce.
Tutto di pesce e verdure. Ne abbiamo mangiato talmente tanto che dopo, che il giorno dopo a Napoli hanno vietato la pesca per i prossimi 100 anni.
Siamo rimasti a tavola a mangiare e a mangiare, passavano le ore e sempre portavano qualcosa in più. Avevo già raccontato le mangiate napoletane, pero i matrimoni sono veramente peggi.
A mezzo questo sforzo, siamo riuscito a fare qualche foto degli sposi, pero sempre seduto a tavola perché non ce la facevano nemmeno loro.


La gente passava a dare qualche regali. Come hanno pure amici senza soldi, capiscono tutti che la vita è dura a Napoli. Hanno regalato agli sposi della pasta, delle bottiglie di birra, dei biglietti di lotteria, e anche le mutandine per il prossimo figlio.
Hanno ballato tutti quanti, ed era uno dei momenti piu belli : Laura si è messo a ballare Madonna e Guglielmo Michael Jackson. Dopo, i testimoni sono arrivati e hanno ballato tutti quanti la Macarena.
La gente ha anche continuato, abbiamo fatto il ballo di tutte le musiche del mondo, eppure dopo quello, volevamo fare di più.
Alla fine, la gente è tornata a casa serpeggiando in terra e non è più rimasto nessuno. Solo Laura e Guglielmo, sempre più belli che mai, animati di una forza incredibile che non si può capire : la felicità.
Sono tornati a piedi tranquillamente, hanno fatto quell'ultima passeggiata romantica della lunghissima giornata, ed è li che successo il miracolo.
A Napoli, il 19 settembre 2009, quella serata, nevicava !!!


Alla fine di tutto questo, per i fiori della sposa e la giarrettiera, l'hanno buttato nelle immondizie a Napoli. Perché dopo di un matrimonio cosi bello, decisamente, il matrimonio degli altri sera sicuramente più brutto !!

Per quelli che vogliono guardare le foto vere, è qua.